Si condivide un'interessante lettura, occasione di riflessione...consapevoli del fatto che, anche in questa esperienza, risulta fondamentale la collaborazione scuola-famiglie.

La Dirigente scolastica

Prof.ssa Stefania Galeotti

***************************************************************************************************************

Indagine Eures su circa 1000 studenti delle scuole superiori di Roma: 9 giovani su 10 coinvolti in episodi di bullismo. Ne parla l’Ansa.

Circa il 67% degli studenti nell’ultimo anno è stato vittima di bullismo, più le ragazze rispetto ai ragazzi. L’81% ha assistito almeno a un episodio di bullismo, mentre quasi il 38% ha riferito di esserne l’autore (in questo caso più maschi). Soltanto il 9,3% dei giovani interpellati è risultato estraneo ai fatti di bullismo, ovvero di non averne commesso né esserne testimone.

Il dato ancor più allarmante è che gli episodi si verificano quasi tutti fra le mura scolastiche: oltre il 90% è stato infatti vittima di bullismo a scuola. Non mancano anche in altri contesti extrascolastici per esempio nel tragitto scuola-casa.

Tra le cause alla base del comportamento dei bulli possono esserci disagio familiare e difficoltà di inserimento. Le violenze possono essere dirette,
indirette e di cyberbullismo, sfociando talvolta in aggressioni fisiche anche gravi.

La ricerca ha evidenziato che quando gli studenti vittime si sono rivolte a genitori o insegnanti, i fatti si sono nettamente ridotti. Un valido aiuto per i giovani può quindi essere quello di rivolgersi agli adulti. C’è da dire però che soltanto il 49% degli intervistati l’ha definita una vera emergenza, sottovalutando il problema.